Anshin Diary si è spostato!

memorie e appunti di viaggio di due monaci zen

vai al nuovo Anshin Diary

7 - 11 settembre 2006 - Palermo - Convento della Magione

7 - 11 settembre 2006 - Palermo - Convento della Magione

 

Gyoetsu ed io siamo stati invitati dal Centro Muni Gyana di Palermo (centro di Buddhismo tibetano dove Gyoetsu tiene regolarmente stages di Zen e Danza) come rappresentanti per la tradizione Zen per l'esposizione delle Reliquie del Buddha, dei suoi famosi discepoli Maudgalyayana, Ananda e Sariputra e di altri Maestri di tradizione cinese, indiana e tibetana.

Questa esposizione è itinerante e serve a sponsorizzare il Progetto Maitreya di Lama Zopa Rimpoche.
Fino a quando la statua di Maitreya non sarà terminata, le reliquie faranno il giro del mondo per essere viste dal maggior numero di persone possibile.

Le reliquie comprendono formazioni cristalline simili a perle e frammenti di ossa raccolti dalle ceneri dei maestri spirituali dopo la loro cremazione.

La situazione era ovviamente diversa dallo stile essenziale e a volte iconoclasta dello Zen , ma alla fine mi sono sentito decisamente coinvolto.

Siamo rimasti letteralmente allibiti dal numero di persone che sono venute a vedere le reliquie: in due giorni circa 6.000 persone, di ogni età, stato sociale e cultura ha affrontato una lunga fila sotto il sole di Palermo per camminare intorno al grande altare dove le reliquie erano esposte.

Mi chiedevo stupito cosa avesse a che fare una signora siciliana con Ananda e Milarepa. E cosa cercavano tutte quelle persone ?

Su proposta di Gyoestu in una sala adiacente a quella dell'esposizione abbiamo fatto delle introduzioni alla meditazione buddhista. Facevamo quattro turni al mattino e quattro al pomeriggio, una vera e propria catena di montaggio del Dharma!

Quando non eravamo impegnati nelle introduzioni davamo il cambio agli altri monaci (di tradizione Tibetana, Theravada e Nichiren) nell'impartire delle benedizioni ponendo sul capo di chi lo desiderava il piccolo stupa con le reliquie del Buddha recitando la Presa di Rifugio. Fra i tanti che hanno chiesto la benedizione anche un cane e un criceto(vedi foto) !

La comunità Srilankese di Palermo ha riscaldato il cuore di tutti noi con la loro devozione e gentilezza, e anche con l'ottimo pranzo che ha offerto. Gyoetsu ha riscosso un notevole successo fra i bimbi Srilankesi (vedi foto).

Il riposo del guerriero.

Mi sono sentito molto fortunato ad essere presente a questo evento perchè la fede e la devozione che ho sentito nei monaci , negli organizzatori e nei visitatori (a prescindere dal loro credo) mi hanno messo in profondo contatto con la forte energia del Buddha, del Dharma e del Sangha.

 

Scritto da